AITeP è l'associazione italiana dei tecnici della prevenzione, il sito http://fornerislab.unipv.it/aitep/ è il portale dell'associazione dei tecnici della prevenzione. AITeP è l'associazione italiana dei tecnici della prevenzione, il sito http://fornerislab.unipv.it/aitep/ è il portale dell'associazione dei tecnici della prevenzione. Fermiamo tutte le Guerre Pre-Iscrizioni Albo 
Benvenuto, Visitatore - Registra un Nuovo Utente - Ho perso i miei dati
Username: Password:  

Marco Bazzoni - RLS di Firenze nuovo Golia Italiano e la questione della messa in mora per il D.Lgs. 81 del 2008

Pubblicato il: 23.11.2012 in AITeP News
Tags: Sicurezza - Luoghi Lavoro

Condividi:

Segnala la notizia su Facebook

Invia A Twitter

 

 

Cari Colleghi,

 

l'amico Marco Bazzoni mi ha comunicato poco fa una strepitosa notizia....

lui da solo (con l'aiuto dell'ing. Marco Spezia) si é schierato in difesa dei diritti dei lavoratori arrivando a proporre una procedura d'infrazione nei confronti del nostro paese per trasposizione legislativa non conforme alla direttiva europea. All'inizio della vicenda, diversi mesi or sono, il risultato odierno era considerato inaspettato e del tutto inatteso.

E' un  grande esempio per tutti noi, che abbiamo l'ambizione di essere operatori della prevenzione, un monito e una richiamo forte al nostro sistema di valori e ai principi deontologici e morali che dovrebbe essere alla base del nostro agire quotidiano.

Se ci é riuscito lui da solo, pur nella diffidenza diffusa, allora possiamo provare anche noi. Questa storia ci insegna anche un'altra verità che non dappertutto ci sono apparati e strutture insensibili ai richiami della società civile e ai diritti di tutti in specie dei lavoratori. Di seguito vi posto il messaggio che mi ha inviato e il documento della messa in mora dello stato italiano che ha ora due mesi di tempo per fare le modifiche del caso.... se vuole evitare pesanti multe......

Ancora un grande ringraziamento a Marco per la tenacia con cui quotidianamente affronta il tema della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.

Chi vuole di voi può anche scrivergli un piccolo messaggio credo che a lui farà molto piacere ricevere i segni della nostra stima.

Vincenzo Di Nucci - AITeP

link lettera parere

 

Dopo oltre un anno da quando la Commissione Europea il 30 Settembre 2011, aveva inviato alla Repubblica Italiana la lettera di costituzione di messa in mora C(2011)6692 del 29 settembre 2011, per la procedura d'infrazione n 2010/4227, il 21 Novembre 2012 la Commissione Europea ha deciso di inviare un parere motivato alle autorità italiane.

Nonostante lo Stato Italiano l'8 Dicembre 2011 avesse inviato dozzine e dozzine di pagine di spiegazioni per provare a convincere la Commissione Europea ad archiare la procedura d'infrazione 2010/4227, questa ha confermato la lettera di costituzione di messa in mora per i seguenti punti:

1)Deresponsabilizzazione del datore di lavoro in caso di delega o subdelega (violazione dell'articolo 5 della Direttiva europea 89/391/CEE)

2)Proroga dei termini prescritti per la redazione di un documento di valutazione dei rischi per una nuova impresa o per le modifiche sostanziali apportate a un'impresa esistente (violazione dell'articolo 9 della direttiva 89/391/CEE).

Adesso lo Stato Italiano ha due mesi di tempo per porre fine all'infrazione, adeguandosi al parere motivato, in pratica la Commissione Europea obbliga lo Stato Italiano a modificare il Dlgs 81/08 (Testo Unico Sicurezza sul lavoro), cancellando da questo testo la salva-manager.
Cioé quella norma che l'ex Ministro del Lavoro Sacconi diceva di aver cancellato dal Dlgs 106/09 (decreto correttivo al testo unico sicurezza lavoro: Dlgs 81/08), ma che invece, come si suol dire, "era uscita dalla porta, per rientrare dalla finestra" , depotenziata (non più retroattiva) ma sicuramente sempre molto pericolosa e togliendo anche la proroga per la valutazione dei rischi per le nuove imprese.
Capirete bene che concedere 90 giorni di tempo ad una nuova impresa, quando apre i battenti, per fare la valutazione dei rischi é una cosa molto ma molto pericolosa, perché ci sono molte aziende in Italia che fanno lavorazioni pericolose e permettergli di non valutare i rischi per 90 giorni (prendiamo ad esempio un'azienda che produce fuochi d'artificio) é una cosa inaccettabile e vergognosa!
Se lo Stato Italiano non modificherà il Dlgs 81/08 entro due mesi ponendo fine all'infrazione, quindi adeguandosi al parere motivato inviato dalla Commissione Europea il 21 Novembre 2012, la Commissione potrà adire (ricorrere) alla Corte di Giustizia Europea, la cui sentenza é vincolante per gli Stati Membri, con sanzioni che potranno arrivare fino a 700 mila euro il giorno.
Questo parere motivato é per me é una grande soddisfazione, primo perché credo che nessun cittadino fosse arrivato a tanto, cioé a far aprire da solo una procedura d'infrazione contro L'italia, per obbligarli ad adeguarsi a una direttiva europea.
A questo punto devo ringraziare nuovamente l'Ing Marco Spezia, che mi é stato di grande aiuto per la redazione della parte tecnica della denuncia di 9 pagine, che ad Ottobre 2009 inviai alla Commissione Europea, e che ha portato alla procedura d'infrazione 2010/4227 sulla sicurezza sul lavoro.
Mentre il Governo Monti cerca di ridurre la salute e sicurezza sul lavoro con  il Disegno di legge semplificazioni bis, la Commissione Europea gli fa capire chiaramente che non ci possono essere degli arretramenti sul diritto alla salute e sicurezza sul lavoro.
Sono curioso di vedere a questo punto cosa farà  il Professor Monti e in particolar modo Il Ministro del Lavoro Elsa Fornero, per porre fine all'infrazione, visto che adesso non hanno più scuse, non possono più nascondersi dietro al fatto, che la Commissione Europea deve ancora rispondere alle loro spiegazioni o che non li obbliga ad adeguarsi.
La Commissione Europea é stata chiarissima, cristallina, in pratica ha fatto capire senza nessuna ombra di dubbio al Governo Italiano, che le spiegazioni che l'Italia gli ha inviato con dozzine e dozzine di pagine, non sono sufficienti a far chiudere la procedura d'infrazione 2010/4227, e che quindi lo Stato Italiano adesso deve adeguarsi obbligatoriamente entro due mesi, pena sanzioni salatissime da parte dell'Europa.
O forse il Governo Monti vuole lasciare questo problema al prossimo Governo che verrà fuori dalle elezioni politiche 2013???
Marco Bazzoni-Operaio metalmeccanico e Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza-Firenze

Email: bazzoni_m@tin.it


http://fornerislab.unipv.it/aitep/ è il sito della Associazione Italiana Tecnici della Prevenzione, nr. provider 9078 - Versione 6.0 con supporto PHP/MySQL, creata da Federico Forneris per AITeP.it - L'ultimo aggiornamento di questa pagina è di 04-11-2018 - Per una visione ottimale di questo sito web, si consiglia l'utilizzo del Browser Mozilla Firefox, con una risoluzione minima di 1024x768 pixels.


  The Apache Software Foundation   PHP Powered   This website uses MySQL Database   Recommended browser: Mozilla Firefox3   AITeP News RSS Feed   [Valid RSS]   Tutti i contenuti di questo sito web sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons   Questo sito usa un foglio di stile CSS valido secondo lo standard 2.1


Cookie Info »