AITeP Ŕ l'associazione italiana dei tecnici della prevenzione, il sito http://fornerislab.unipv.it/aitep/ Ŕ il portale dell'associazione dei tecnici della prevenzione. AITeP Ŕ l'associazione italiana dei tecnici della prevenzione, il sito http://fornerislab.unipv.it/aitep/ Ŕ il portale dell'associazione dei tecnici della prevenzione. 5 X 1000 Associazione Edoardo Marcangeli Fermiamo tutte le Guerre 
Benvenuto, Visitatore - Registra un Nuovo Utente - Ho perso i miei dati
Username: Password:  

In Pakistan fabbriche in fiamme. Oltre 320 operai bruciati vivi o soffocati

Pubblicato il: 13.09.2012 in AITeP News
Tags: Sicurezza - Luoghi Lavoro - Infortuni

Condividi:

Segnala la notizia su Facebook

Invia A Twitter

 

 

INAIL – Infortuni

In Pakistan fabbriche in fiamme. Oltre 320 operai bruciati vivi o soffocati

rogo a Karachi

12 settembre 2012. Tragedia del lavoro nel paese asiatico: l'assenza di uscite di sicurezza ha trasformato due stabilimenti - a Karachi e a Lahore - in trappole mortali dopo lo sprigionarsi del fuoco. Nella capitale continuano le operazioni di soccorso: si teme che il bilancio finale delle vittime possa aggravarsi

KARACHI - Tragedia del lavoro in Pakistan: due incendi sviluppati ieri in diverse fabbriche del paese - una nella capitale Karachi, l'altra a Lahore - hanno provocato la morte di oltre 320 persone. A riferirlo sono funzionari del governo e la polizia. Ancora in corso le indagini per ricostruire la dinamica dei fatti: probabilmente, in entrambi i casi, ha originato l'incidente un corto circuito degli impianti elettrici. E' stata, tuttavia, l'assenza di porte di sicurezza - che ha impedito agli operai di uscire, lasciandoli in balia delle fiamme e dei gas tossici - l'elemento che ha determinato l'altissimo numero di vittime.

Nello stabilimento di Lahore - sede di un'azienda di scarpe costruita illegalmente in un quartiere residenziale - i morti sono 25. Qui il rogo Ú stato causato probabilmente da uno dei frequenti blackout che colpiscono il Pakistan, a seguito del contatto tra le scintille partite da un generatore d'emergenza e sostanze chimiche infiammabili utilizzate nel ciclo produttivo. Anche in questo caso l'incendio ha sbarrato l'unica via d'accesso, rendendo difficili fuga e soccorsi.

L'incidente pi¨ disastroso Ú stato a Karachi: nel palazzo andato a fuoco, infatti, erano impiegate almeno 450 persone. In un primo momento le autoritÓ hanno cercato di ridimensionare la portata del dramma, parlando di una decina di morti. Il gigantesco scantinato - andato completamente distrutto - ha fatto comprendere, per˛, che le proporzioni del dramma erano decisamente superiori. Salvo l'ingresso, dove si Ú scatenato l'incendio, nell'edificio non erano presenti punti di fuga. Gli operai intrappolati non sono riusciti a scappare neanche dalle finestre, sbarrate da grate. I sopravvissuti si sono salvati forzando le inferriate di una finestra a un piano alto e buttandosi di sotto. "Nessuna misura di sicurezza Ú stata presa nella progettazione della struttura - ha denunciato un agente di polizia - Non c'erano uscite di sicurezza e la gente Ú rimasta intrappolata". Si teme che il bilancio possa aggravarsi col proseguimento dei soccorsi.

 

sui quotidiano di oggi....................... tranne il manifesto....... nulla.....


http://fornerislab.unipv.it/aitep/ Ŕ il sito della Associazione Italiana Tecnici della Prevenzione, nr. provider 9078 - Versione 6.0 con supporto PHP/MySQL, creata da Federico Forneris per AITeP.it - L'ultimo aggiornamento di questa pagina Ŕ di 04-11-2018 - Per una visione ottimale di questo sito web, si consiglia l'utilizzo del Browser Mozilla Firefox, con una risoluzione minima di 1024x768 pixels.


  The Apache Software Foundation   PHP Powered   This website uses MySQL Database   Recommended browser: Mozilla Firefox3   AITeP News RSS Feed   [Valid RSS]   Tutti i contenuti di questo sito web sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons   Questo sito usa un foglio di stile CSS valido secondo lo standard 2.1


Cookie Info »