AITeP è l'associazione italiana dei tecnici della prevenzione, il sito http://fornerislab.unipv.it/aitep/ è il portale dell'associazione dei tecnici della prevenzione. AITeP è l'associazione italiana dei tecnici della prevenzione, il sito http://fornerislab.unipv.it/aitep/ è il portale dell'associazione dei tecnici della prevenzione. 5 X 1000 Associazione Edoardo Marcangeli Pre-Iscrizioni Albo 
Benvenuto, Visitatore - Registra un Nuovo Utente - Ho perso i miei dati
Username: Password:  

Ecm: al via i lavori per tradurre in concreto Accordo Stato-Regioni

Pubblicato il: 24.11.2009 in AITeP News
Tags: Ecm - Accordo

Condividi:

Segnala la notizia su Facebook

Invia A Twitter

 

Lo scorso 18 novembre a Roma, nel corso della riunione della Commissione nazionale per la formazione continua, sono iniziati i lavori per la definitiva approvazione del "Regolamento applicativo dei criteri oggettivi di cui all'Accordo Stato-Regioni del 5 novembre 2009 e per l'accreditamento".

Si tratta del documento che darà concretezza all'Accordo approvato il 5 novembre dalla Conferenza Stato-Regioni:

"Il nuovo sistema di formazione continua in medicina:

  • Accreditamento dei Provider Ecm,
  • formazione a distanza,
  • obiettivi formativi,
  • valutazione della qualità del sistema formativo sanitario,
  • attività formative realizzate all'estero,
  • i liberi professionisti".

Questo documento ha carattere di linea guida generale e definisce i requisiti minimi e i relativi standard ritenuti necessari per l'accreditamento istituzionale di soggetti pubblici e privati che intendono organizzare programmi ed eventi educazionali per l'Educazione Continua in Medicina dei professionisti della Sanità in Italia.
Rappresenta lo strumento operativo con cui i futuri "provider" gestiranno la formazione. In esso saranno specificati i requisiti minimi e gli standard che il provider dovrà possedere per ottenere l'accreditamento e che riguardano, lo ricordiamo:

- le caratteristiche del soggetto richiedente;
- l'organizzazione generale e le risorse;
- la qualità dell'offerta formativa e la gestione del miglioramento continuo della qualità.

La grande novità dell'accreditamento dei Provider che saranno iscritti in un Albo nazionale solo se in possesso di certi requisiti da dimostrare poi nel tempo.

I lavori non si sono ancora conclusi e riprenderanno in un ulteriore incontro che sarà calendarizzato a breve. Si é giunti alla fase decisiva, che vedrà finalmente l'avvio di un nuovo sistema di formazione, più coerente con il concetto di sviluppo continuo professionale e meno vulnerabile rispetto a tutte quelle criticità che hanno caratterizzato questo lungo periodo di sperimentazione. (fonte sito AIFI - Associazione Italiana Fisioterapisti)

 

I punti fermi del nuovo sistema Ecm (tratto da: Sanità -Il Sole 24 ore del 22/28-9-09):

ACCREDITAMENTO DEI PROVIDER. Si basa sul possesso di requisiti minimi considerati base comune condivisa a livello nazionale. Aziende sanitarie ed erogatori di prestazioni sanitarie pubblici e privati sono obbligati ad accreditarsi presso la Regione di residenza; Ordini, collegi, Università, Irccs potranno scegliere il soggetto accreditante: se accreditati dalla Commissione Ecm non avranno vincoli territoriali entro cui operare 
 ACCREDITAMENTO PROVVISORIO E STANDARD. La domanda di accreditamento consente di acquisire l’accreditamento provvisorio di 24 mesi a decadenza automatica: in questo periodo l’ente accreditante verifica requisiti e attività e può concedere l’accreditamento standard (4 anni, rinnovabile) 
• ENTI ACCREDITANTI. Sono la Commissione nazionale per la formazione continua e le Regioni e Pa (anche attraverso organismi ad hoc). Hanno responsabilità di verifica su requisiti e attività svolta con obbligo di sopralluoghi annuali nel 10% dei provider accreditati. Possono disporre sanzioni che vanno dall’ammonizione alla revoca temporanea o permanente dell’accreditamento
• COMITATO DI GARANZIA. Composto di cinque membri tra i componenti della Commissione inizierà a lavorare in via sperimentale in coincidenza con l’accreditamento dei provider, in collaborazione con Regioni e Pa che vorranno partecipare. Dovrà monitorare tutti i piani ed eventi formativi,verificare la correttezza del provider accreditato provvisoriamente, gestire l’istruttoria dei procedimenti di contestazione per attività scorretta: le deliberazioni saranno registrate a margine dell’Albo
• ALBO NAZIONALE DEI PROVIDER. Predisposto dalla Commissione Ecm comprende tutti i provider accreditati (nazionale/ regionale) sarà consultabile e sarà dato rilievo alle eventuali sanzioni ricevute
• CREDITI FORMATIVI. Vengono attestati dal provider, che informa l’ente accreditante e il Cogeaps, e sono validi su tutto il territorio nazionale. Per il periodo 2008-2010 ciascun professionista deve acquisire 150 crediti Ecm (minimo 25, massimo 75) l’anno: per il primo triennio varranno anche 60 crediti già acquisiti negli anni precedenti. Il provider conserva la relativa documentazione per 5 anni 

• OBIETTIVI FORMATIVI NAZIONALI E REGIONALI. Sono lo strumento utilizzato per orientare i programmi Ecm verso i bisogni prioritari del Ssn. Gli obiettivi formativi di rilievo nazionale vengono definiti dalla Commissione Ecm e devono essere riconducibili alle attività sanitarie e socio sanitarie collegate ai Lea. Gli obiettivi di rilievo regionale e aziendale sono stabiliti da Regioni e aziende sanitarie e tengono conto dei piani sanitari regionali e delle mission aziendali
• CONFLITTO DI INTERESSI. Nessun soggetto, che produca, distribuisca, commercializzi e pubblicizzi farmaci, omeopatici, fitoterapici, dietetici, alimenti per infanzia, dispositivi e strumenti medici, può organizzare direttamente o indirettamente eventi formativi Ecm. È prevista l’autocertificazione di assenza di conflitto di interessi da parte dell’organizzatore e dei docenti coinvolti in ogni singolo evento o progetto formativo, che ci sia o meno un finanziamento privato
• SPONSORIZZAZIONI. La Commissione Ecm regolerà le procedure di finanziamento prevedendo che lo sponsor, alla stipula del contratto di sponsorizzazione, versi il 10% della sponsorizzazione a favore di un apposito Fondo attività formative carenti
• LIBERI PROFESSIONISTI. Devono ottemperare comunque all’obbligo di acquisire i crediti Ecm. Si ipotizza l’individuazione di agevolazioni sui costi sostenuti (defiscalizzazione; riparametrazione dei cluster degli studi di settore) e di una diversa individuazione del debito in termini di qualità e modalità di acquisizione. Ordini, collegi e associazioni possono garantire percorsi ad hoc per i propri iscritti ovvero Ecm gratuita nell’ambito di programmi aziendali o regionali con quote riservate (5-10%) presso provider pubblici e privati in base a specifici accordi contrattuali


http://fornerislab.unipv.it/aitep/ è il sito della Associazione Italiana Tecnici della Prevenzione, nr. provider 9078 - Versione 6.0 con supporto PHP/MySQL, creata da Federico Forneris per AITeP.it - L'ultimo aggiornamento di questa pagina è di 04-11-2018 - Per una visione ottimale di questo sito web, si consiglia l'utilizzo del Browser Mozilla Firefox, con una risoluzione minima di 1024x768 pixels.


  The Apache Software Foundation   PHP Powered   This website uses MySQL Database   Recommended browser: Mozilla Firefox3   AITeP News RSS Feed   [Valid RSS]   Tutti i contenuti di questo sito web sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons   Questo sito usa un foglio di stile CSS valido secondo lo standard 2.1


Cookie Info »