AITeP è l'associazione italiana dei tecnici della prevenzione, il sito http://fornerislab.unipv.it/aitep/ è il portale dell'associazione dei tecnici della prevenzione. AITeP è l'associazione italiana dei tecnici della prevenzione, il sito http://fornerislab.unipv.it/aitep/ è il portale dell'associazione dei tecnici della prevenzione. Pre-Iscrizioni Albo Fermiamo tutte le Guerre 
Benvenuto, Visitatore - Registra un Nuovo Utente - Ho perso i miei dati
Username: Password:  

Presto su RAI UNO – Speciale TG1 un servizio sicurezza nei luoghi di lavoro & sul nostro

Pubblicato il: 22.10.2007 in AITeP News
Tags: (Nessun tag associato)

Condividi:

Segnala la notizia su Facebook

Invia A Twitter

cari colleghi, dopo TV7,  Okkupati, RAI Utile ecc  é la volta dello SPECIALE TG1.

Il giornalista Alessio Zucchini ci ha comunicato che ha finito di montare il servizio per lo speciale del TG1 dedicato alla salute e sicurezza sui luoghi di lavoro, e quindi una qualunque delle prossime domeniche potrebbe essere quella buona!!!

Saranno presentati 4 servizi, realizzati nelle scorse settimane in varie realtà italiane, seguendo nostri colleghi durante le giornate “tipiche” di lavoro.  Si parlerà di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro, e di chi svolge quotidianamente questa importante funzione sociale, ovvero i Tecnici della Prevenzione delle ASL.

Gli sforzi che stiamo facendo per promuovere la cultura della prevenzione e la nostra professione cominciano a dare risultati.

Dalle indiscrezioni avute il servizio potrebbe andare in onda già domenica prossima 28 ottobre, oppure la domenica successiva 4 novembre ore 23.20 circa

Allora tutti davanti al video e pronti con i videoregistratori, ovviamente sul Forum potete poi lasciare tutti i vostri giudizi, commenti!!!.

Le sorprese non finiscono altre novità in arrivo........

Continuate a seguirci con attenzione e affetto come avete fatto in questi giorni.

un caro saluto Vincenzo Di Nucci - AITeP


 

Di seguito il testo dell’ultimo messaggio inviato al giornalista e la sua risposta:

caro Alessio,

grazie delle informazioni e dell'attenzione che ci hai riservato!! e per l'opportunità che ci hai offerto!!!

in tutta questa vicenda la cosa che mi sta più a cuore é appunto fare chiarezza su questo delicato tema che ultimamente  viene trattato da molti media, ma senza la necessaria precisione, curiosità e approfondimento, per questo come ricorderai proclamammo il nostro "sciopero dal silenzio".

Per lo stesso motivo ti abbiamo proposto la necessità di dare uno sguardo oltre il solito clichè del cantiere edile; siamo lieti che tu abbia raccolto l'invito spendendoti affinchè le tue idee fossero accolte dai tuoi dirigenti, fino ad arrivare a fare una intera puntata dello speciale del TG1.

Ma c'é una cosa che ci stupisce, ed infastidisce ancor di più, soprattutto ora che é in ballo la "famosa" delega per la redazione del testo unico, é l'assioma che contrastare il lavoro nero sia la stessa cosa che tutelare la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.

Respingo fortemente questa idea e per spiegarlo posso usare una semplice similitudine:
è come se volessimo occuparci dei problemi della tutela del bacino idrografico del Po e per far questo concentriamo tutta  la nostra attenzione solo su un suo affluente ad esempio il Ticino.
E' cosa buona e giusta? Si ,
é utile? SI
e doveroso farlo? SI
contribuisce a risolvere il problema? Si
Da solo questo risolve il problema, basta? NO

Perchè il tema della tutela dell'intero bacino del Po é più grande e complesso e non si può pensare che risolvere i problemi di un suo affluente sia come risolvere il tutto, per alcuni territori questo é sovrapponibile al tutto, ma non per l'intero bacino!!

La stessa cosa vale in questa materia, il lavoro nero, come più in generale il tema del rispetto della legalità, é utile e certamente serve in maniera indiretta a dare qualche risultato, ma per favore non aspettiamoci da questo la bacchetta magica che ponga fine alla tragica sequenza di dolori, e lutti che si susseguono con immutata continuità da tanto, troppo tempo!!

In Italia operano 4000 ispettori del lavoro e da gennaio prossimo ne arriveranno altri 800 circa, oltre ad un nucleo di carabinieri distaccati al ministero del lavoro che operano in stretto raccordo appunto con le direzioni provinciali del lavoro di diverse centinaia di unità!!

A fronte di questi numeri gli operatori tecnici della prevenzione che operano nelle ASL sono in numero simile ai carabinieri tra 1800 e 2000 e dovrebbero occuparsi non solo della vigilanza e della repressione ma anche di fare Prevenzione. Gli organici sono fermi da anni, anzi é iniziata una pericolosa emorragia a causa del mancato ricambio per coloro che vanno in pensione, e nei prossimi 5-10 anni rischiamo di chiudere i servizi, se non programmiamo per tempo l'avvicendamento. C'é un pericolo ancor più grave, corriamo il rischio di perderci per sempre quel pezzo di storia, di esperienze, di saperi e competenze costruite nel tempo e che rappresentano il valore aggiunto degli attuali servizi, se non diamo tempo agli "anziani" di passare il testimone raccontando ai nuovi la "storia" dei servizi di prevenzione di questo paese, fatta dei nostri successi e delle nostre delusioni.

Mi sembro un marziano quando propongo l'emendamento per assumere Tecnici della Prevenzione nelle ASL e per promuovere questo professionista come consulente elettivo delle imprese e dei lavoratori. Il nostro é proprio uno strano paese a volte facciamo delle cose all'avanguardia e poi andiamo sempre a cercare l'erba più verde nel giardino del vicino, succede così con il nostro mestiere, con il nostro corso di laurea universitario che é una esperienza unica in Europa e pare anche nel mondo!!!

Ecco queste semplici idee erano quelle che mi interessava venissero fuori, se non tutte in questo servizio magari in altri che vorrai pensare e proporre per il futuro, facendo magari un viaggio tra i servizi delle ASL e tra il mondo dei consulenti nell'area della libera professione!!

Un caro saluto a presto vincenzo di nucci.

 

Caro Vincenzo, credo che molti degli aspetti da te citati emergano dallo Speciale, quelli rimasti fuori chissà, magari avremo modo di trattarli in futuro. Da parte mia ringrazio tutti voi per la collaborazione e per avermi introdotto in un mondo interessante che conoscevo solo in maniera superficiale. Seguire il vostro lavoro, confrontarmi con voi, é stata un'esperienza positiva, dal punto di vista professionale ma soprattutto da quello umano. Grazie ancora a tutti e a presto. Un caro saluto, Alessio.


http://fornerislab.unipv.it/aitep/ è il sito della Associazione Italiana Tecnici della Prevenzione, nr. provider 9078 - Versione 6.0 con supporto PHP/MySQL, creata da Federico Forneris per AITeP.it - L'ultimo aggiornamento di questa pagina è di 04-11-2018 - Per una visione ottimale di questo sito web, si consiglia l'utilizzo del Browser Mozilla Firefox, con una risoluzione minima di 1024x768 pixels.


  The Apache Software Foundation   PHP Powered   This website uses MySQL Database   Recommended browser: Mozilla Firefox3   AITeP News RSS Feed   [Valid RSS]   Tutti i contenuti di questo sito web sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons   Questo sito usa un foglio di stile CSS valido secondo lo standard 2.1


Cookie Info »